Benvenuti nello Shop ON-LINE di SvapoCafè
informiamo che il sito tratta prodotti acquistabili
solo da utenti MAGGIORENNI.

Carrello  

Nessun prodotto

0,00 € Spedizione
0,00 € Totale

Carrello Pagamento

Categorie

Smettere di Fumare

Smettere di Fumare

Lo Svapo è il miglior metodo per smettere di fumare

Il nuovo rapporto PHE, ente per la salute pubblica inglese, ribadisce che lo svapo è al momento il miglior sistema per smettere di fumare. Le continue diffamazioni nei suoi confronti stanno solo confutando senza fondamento dati scientifici ampiamente dimostrati.

Il rapporto redatto dal King's College di Londra è il settimo rapporto indipendente del PHE sullo svapo in Inghilterra.

Ecco le parole del direttore della World Vapers’s Alliance (WVA), Michael Landl: "Il rapporto di oggi della Public Health England è un'ottima notizia per i vapers. Abbiamo un'ulteriore conferma che lo svapo è un modo per smettere di fumare. Coloro che continuano a sostenere che lo svapo è una via d'accesso al fumo dovrebbero prendersi il tempo per leggere le ricerche scientifiche al riguardo. "Ascolta la scienza" è qualcosa che abbiamo sentito molto ultimamente con il COVID, ma dovrebbero applicare lo stesso principio coloro che criticano continuamente lo svapo. Non possono scegliere la scienza più adatta a loro "

Il riferimento ai continui attacchi ingiustificati da parte di enti che dovrebbero aver nei loro intenti la salute a livello mondiale non è affatto velato in questa dichiarazione.

La WVA ha affermato che il rapporto evidenzia i seguenti punti:

  • Lo svapo è l'aiuto più utilizzato (27,2%) dai fumatori che cercano di smettere di fumare in Inghilterra nel 2020

  • Più di 50.000 fumatori hanno smesso di fumare nel 2017 con l'aiuto dello svapo

  • Il 38% dei fumatori ritiene che lo svapo sia dannoso quanto fumare mentre il 15% ritiene che lo svapo sia più dannoso

Il livello di disinformazione tra i fumatori è allarmante

Più della metà dei fumatori crede che lo svapo sia più dannoso o dannoso come il fumo. Questa è una grande preoccupazione. La disinformazione sullo svapo gioca un ruolo enorme in questo malinteso e tutti dobbiamo fare tutto il possibile per prevenirlo. " queste le parole di Michael Landl che sottolinea così la pericolosità delle scelte sconsiderate di chi dovrebbe diffondere scienza ed evidenze scientifiche.

Anche in riferimento alla Commissione europea lanciata di recente per il piano europeo contro il cancro, che purtroppo si propone di frenare lo svapo allo stesso modo del fumo, paragonandoli. “Ad oggi, la Commissione Europea ha ignorato la scienza sullo svapo nel loro Piano per sconfiggere il cancro. Spero che il rapporto di oggi della Public Health England sarà il campanello d'allarme necessario affinché abbandonino l'approccio ideologico a favore di uno basato su prove ".

La pubblicazione del rapporto PHE sarà un punto di cambiamento?

"Questo è un momento determinante per il settore dello svapo e mostra davvero i notevoli progressi che ha compiuto in un contesto di significativa disinformazione nei riguardi dell’intero settore, con la Public Health England che afferma ancora una volta che le percezioni del danno causato dallo svapo rispetto al fumo sono assolutamente al di fuori delle evidenze scientifiche, che ne dimostrano il rischio abbondantemente ridotto " parole del Direttore Generale di UKVIA, John Dunne assolutamente in linea con le argomentazioni di Landl, la UK Vaping Industry Association (UKVIA) ha affermato che il rilascio del rapporto PHE può essere considerato un momento di cambiamento per l'industria dello svapo.

Indicando poi una serie di discussioni che devono essere intavolate tra l’industria dello svapo e la politica, ha poi aggiunto: "Questi ultimi dati, su cui si basa la revisione, forniscono prove incontrovertibili sull'importanza dello svapo per smettere di fumare con successo e per la salute pubblica della nazione” .

Nel rapporto si evidenziano anche i grandi successi nella cessazione da fumo ottenuti con l’utilizzo dello svapo

Il rapporto mostra dati incoraggianti sulla cessazione dal fumo da chi ha optato un percorso collegato allo svapo cosa che deve essere portata all’attenzione della commissione che si occupa dell’imminente revisioni dei regolamenti sul tabacco e sui prodotti correlati, è un momento cruciale conseguente la Brexit .

Infatti in ogni regione del paese (Inghilterra) tra i fumatori adulti il tasso di dismissione da fumo correlato all’utilizzo dello svapo ottengono un successo maggiore rispetto altre tecniche rispettivamente del 49% nel sud-ovest al 78% nello Yorkshire e Humber.

Come riporta Action on Smoking and Health (ASH) i motivi più comuni della scelta dello svapo sono nel 29,7% smettere di fumare, 19,4% non ricominciare a fumare, 11,2% ridurre il consumo di tabacco.